Home / GASTRONOMIA / Vini d’Ischia
Ischia Hotel Offerte
Vini d’Ischia

Vini d’Ischia

La cultura del vino ad Ischia ha origine antichissime. Sulla Coppa di Nestore, ritrovata a Lacco Ameno, è inciso:

“Chi beve da questa coppa subito lui prenderà desiderio d’amore per Afrodite dalla bella corona.

Questa iscrizione, attribuita al grande Omero, testimonia il nesso che si è venuto a creare nel corso dei secoli fra la comparsa della civiltà sull’Isola d’Ischia e la diffusione della tecnica della coltivazione della vite, ad opera dei Greci. Successivamente la viticoltura si diffuse talmente che i romani  denominarono l’isola “Aenaria” cioè “terra del vino”.La tradizione si poi è tramandata, ed oggi sull’Isola sono presenti, grazie al clima mediterraneo e alla fertilità del suolo vulcanico, vigneti di grande qualità.
Ecco i vini ischitani di maggior pregio:

 

Ischia Bianco D.O.C.

L’Ischia Bianco è un vino prodotto nelle vigne del Cuotto e di Chignole, a Forio d’Ischia. È ottenuto principalmente dai vitigni Forastera (45-70%) e Biancolella (55-30%), ai quali si aggiungono l’Uva Rilla e il San Leonardo (max 15%).
La gradazione alcolica minima di questo splendido vino è pari al 10.5°.
Si presenta con un colore giallo in tonalità che mutano dall’ambrato al verdolino, dal dorato al paglierino, con un profumo che assume i toni del floreale o del fruttato.
Per grandi linee questo vino si sposa benissimo con quasi tutti i prodotti del territorio, ma volendo apprezzarne le magnifiche caratteristiche deve essere abbinato con crostacei e frutti di mare.
Da ricordare che questo vino va servito, come la maggior parte dei vini bianchi, ad una temperature che può andare tra i 7° e i 9°, preferendo per il servizio il calice, la flute o la coppa.

 

Ischia Rosso D.O.C. (Per’e Palummo)

L’Ischia Rosso viene prodotto in una fascia che va da est a ovest dell’isola, nelle vigne di Janno Piro (Forio). È ottenuto dall’omonimo vitigno (min. l’85%) con l’eventuale aggiunta di altri vitigni a bacca nera.
Il nome Per’e Palummo deriva dal colore rosso del suo gaspo come la zampa di un colombo.
Il Per’e Palummo ha un colore rubino, odore vinoso, caratteristico, gradevole e sapore asciutto, di medio corpo, giustamente tannico.
Ha una gradazione alcolica minima di 11°.
Si abbina molto bene con coniglio all’ischitana o formaggi piccanti o fermentati.
Da servire a temperatura ambiente, dai 12° ai 15° in bottiglia, dai 14° ai 15° nel bicchiere, che va sempre servito in bicchieri ampi, tipo ballon, per esaltarne gli aromi.
Il Per’e Palummo Passito è un vino da dessert che può essere versato in calici di media capacità a tulipano alla temperatura di 10-12° per accompagnare i dolci della gastronomia partenopea, come babà e sfogliatelle.

 

Biancolella Ischia

Il Biancolella è un vino bianco prodotto dall’omonimo vitigno. Possono concorrere altri vitigni a bacca bianca non aromatici fino ad un massimo del 15%.
Il Biancolella ha un colore paglierino con riflessi verdognoli, odore vinoso, caratteristico, gradevole, e sapore asciutto, armonico.
Ha una gradazione alcolica minima di 10.5°.
Il Biancolella va servito in calici di media capacità a tulipano svasato alla temperature dagli 8° ai 10° e si abbina bene con antipasti ed in particolare antipasti di pesce e crostacei.

 

Forastera

Il Forastera si ottiene dai vitigni Forastera (min. 85%) e da altri (max. 15%).
Il Forastera si presenta con un colore paglierino con riflessi verdognoli, odore vinoso, caratteristico, gradevole e sapore asciutto, armonico.
Ha gradazione alcolica minima è del 10.5°.
Si sposa bene con molti piatti bella tradizione ischitana, ma in particolare con piatti di pesce e formaggi freschi.
Va servito ad una temperatura che oscilla tra i 7° e i 9°, preferendo per il servizio il calice, la flute o la coppa.

 

 

Hotel Ischia Offerte

Comments are closed.

Scroll To Top
Close
Per la tua vacanza a Ischia scegli Marcantonio B&B!
Ad Ischia Ponte, in pieno centro ma comunque tranquillo